1 • IMPASTO CON FARINA "00"
24 ORE DI LIEVITAZIONE

2 • BASILICO FRESCO

3 • OLIO EXTRAVERGINE D'OLIVA PENISOLA SORRENTINA DOP

4 • POMODORO SAN MARZANO
AGRO SARNESE-NOCERINO DOP

5 • MOZZARELLA DI BUFALA CAMPANA DOP

6 • FORNO NAPOLETANO A LEGNA

1

2

3

4

5

6

IMPASTO CON FARINA "00"
24 ORE DI LIEVITAZIONE

BASILICO FRESCO ('A VASINICOLA)

OLIO EXTRAVERGINE D'OLIVA PENISOLA SORRENTINA DOP

POMODORO SAN MARZANO
AGRO SARNESE-NOCERINO DOP

MOZZARELLA DI BUFALA CAMPANA DOP

FORNO NAPOLETANO A LEGNA

PIZZA VERACE

La storia della pizza nasce con la scoperta del pomodoro!

Importato dal Perù veniva usato in cucina esclusivamente come salsa cotta con l’aggiunta di sale, basilico e olio extravergine d’oliva. Con il passare degli anni a qualche panettiere venne la brillante idea di aggiungere sulla pasta di pane il pomodoro, inventando senza volerlo la prima forma di pizza. La pizza, si sviluppò così tanto che alla fine dell’ottocento, inizio novecento, venne esportata in America con l’arrivo dei napoletani immigrati a New York.

In quello stesso periodo a Napoli avvenne il matrimonio storico con la mozzarella. Un pizzaiolo napoletano preparò in onore della visita della Regina Margherita, moglie di Umberto I re d’Italia a Napoli, una pizza che rappresentava i colori della bandiera italiana. Il pizzaiolo così, aggiunse alla pizza con il pomodoro, anche la mozzarella e il basilico. La pizza piacque tantissimo alla Regina, ed il pizzaiolo per questo motivo, gli diede il suo stesso nome “Margherita”. La pizza margherita veniva servita in modo differente da come viene presentata oggi.

La pizza tradizionale veniva servita piegata quasi a metà sulla carta oleata e la carta da pane classica, che in gergo napoletano veniva chiamata “la pizza con i fogliacci” oppure la “pizza oless” (carta oleata). Ma pian piano con il passare degli anni, con una clientela sempre più esigente, la pizza ha cambiato le sue vecchie usanze. È passata dai fogliacci, al contenitore in fibra vegetale che tutt’oggi viene utilizzato per consegnarla in tutto il mondo.

Oggi la pizza da ‘A Pummarulella viene consegnata nel migliore dei contenitori realizzati fino ad ora, lo stesso contenitore, che essendo altamente igienico ed evitando la fuoriuscita di calore, conserva gli stessi sapori di una pizza mangiata al momento. Se invece volete gustarla come la storia ci racconta, potete farlo venendo esclusivamente nei nostri locali, dove viene servita anche nella carta oleata&fogliacci per non perdere così gusto e tradizione.

it_IT
en_US it_IT